Comprare casa all’asta per conto di terzi è possibile

Comprare casa all’asta per conto di terzi è possibile

Con la nuova disposizione contenuta nell’ art. 590-bis c.p.c. di riforma del processo esecutivo e possibile comprare casa all’asta per conto terzi

Novità per quanto riguarda gli immobili messi all’asta, il nuovo  articolo 590 bis contenuto d.l. n.59/2016, il cosiddetto Decreto Banche,  ha introdotto l’ammissione della partecipazione all’asta giudiziaria per conto di terzi. In poche parole, l’offerente può partecipare all’asta riservandosi il diritto di indicare il nome di un terzo soggetto, effettivo acquirente, entro 5 giorni dall’assegnazione o dalla comunicazione.

Il nuovo art. 590-bis c.p.c.  in materia di  “Assegnazione a favore del terzo” stabilisce, infatti, che “Il creditore che è rimasto assegnatario a favore di un terzo deve dichiarare in cancelleria, nei cinque giorni dalla pronuncia in udienza del provvedimento di assegnazione ovvero dalla comunicazione, il nome del terzo a favore del quale deve essere trasferito l’immobile, depositando la dichiarazione del terzo di volerne profittare. In mancanza, il trasferimento è fatto a favore del creditore. In ogni caso, gli obblighi derivanti dalla presentazione dell’istanza di assegnazione a norma del presente articolo sono esclusivamente a carico del creditore.”

Insomma una novità che permette di bypassare un successivo passaggio di proprietà dell’immobile, in quanto il creditore che vuole acquistare un bene da lui pignorato, ha la possibilità di decidere entro cinque giorni dall’assegnazione o dalla comunicazione, di intestare il bene ad altro soggetto.

La disposizione si applica alle istanze di assegnazione presentate, nei procedimenti di esecuzione forzata per espropriazione immobiliare, successivamente al decorso del termine di trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto.

Una novità dalle notevoli implicazioni pratiche che consente sostanzialmente “al solo creditore procedente” di partecipare e vincere le aste per conto di deleganti ai quali successivamente intestare l’immobile senza incorrere in macchinose procedure e adempimenti giudiziari. Chi partecipa e vince dovrà poi semplicemente recarsi in cancelleria entro il termine previsto e dichiarare che il bene andrà intestato ad un soggetto terzo, presentando apposita dichiarazione di questi a volerne profittare.

Contattaci subito per sapere come possiamo aiutarti!

2018-02-02T12:00:49+01:002 Gennaio 2017|normative, saldo e stralcio|

Leave A Comment