Il nuovo contratto di Leasing diventa un negozio tipico

Il nuovo contratto di Leasing diventa un negozio tipico

Il nuovo contratto di Leasing nell’ emendamento al Ddl concorrenza, stabilisce regole certe, per quello che era considerato un negozio atipico.

Il contratto di leasing non è più annoverato tra i contratti atipici. Nel Ddl Concorrenza, approvato dalla Commissione Industria del Senato, infatti, è previsto un emendamento che definisce gli elementi essenziali del contratto di leasing,

L’emendamento approvato, infatti, introduce una specifica definizione e disciplina, grazie alla quale il contratto atipico assume la forma di contratto tipico per legge.

“La nuova normativa – si legge in un comunicato dell’Assilea (Associazione Italiana Leasing) – è frutto dell’accordo fra Ministero dell’Economia, dello Sviluppo economico e della Giustizia al fine di fare chiarezza sui doveri del concedente e dell’utilizzatore del bene in locazione finanziaria”.

L’emendamento prevede che in caso di inadempienza, cioè se non si pagano sei canoni mensili o due canoni trimestrali, anche non consecutivi, la banca o la finanziaria hanno diritto di riprendersi la casa, ma sono tenute a corrispondere all’utilizzatore quanto ricavato dalla vendita o da una nuova collocazione.

Inoltre, nella vendita o ricollocazione, il concedente deve attenersi a criteri di celerità, trasparenza e pubblicità, “adottando modalità tali da consentire l’individuazione del miglior offerente possibile con obbligo di informazione dell’utilizzatore”

2018-02-02T12:00:49+01:002 Gennaio 2017|normative, usura e anatocismo|

Leave A Comment