Mancato pagamento bollo auto: Equiparato ai crediti Tributari prescrizione breve

Mancato pagamento bollo auto: Equiparato ai crediti Tributari prescrizione breve

La Cassazione conferma che anche per la prescrizione del bollo auto vale il principio stabilito dalle Sezioni Unite per i crediti tributari.

La Corte di Cassazione è intervenuta nuovamente sulla tematica relativa alla prescrizione delle cartelle esattoriali, escludendo che per la tassa automobilistica si possa applicare la prescrizione decennale. Il 25 agosto infatti ha depositato la sentenza n. 20425/2017 con cui ha stabilito che anche per il bollo auto vale la pronuncia delle Sezioni Unite che aveva escluso la prescrizione decennale per le cartelle di pagamento relative a contributi previdenziali.

La questione relativa alla prescrizione del bollo auto era nata da un’interpretazione di alcune Regioni che, per recuperare alcune somme non riscosse, volevano fosse applicata la prescrizione decennale. Ovvero, quando una Regione notifica l’avviso di accertamento entro i termini stabiliti (entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello della somma contestata) e il destinatario non impugna e non paga quanto richiesto, la successiva cartella di pagamento può essere notificata entro dieci anni invece dei cinque previsti di solito in casi del genere.

La Corte di Cassazione aveva inizialmente confermato l’interpretazione data dalle Regioni con la sentenza n. 701/2014. Essa riconosceva anche al bollo auto l’applicazione del principio sancito dalle Sezioni Unite secondo cui il credito erariale legato a un’imposta è soggetto alla prescrizione decennale come sancito dall’art.2946 del Codice civile.

Successivamente, con la sentenza n. 23397/2016, le Sezioni Unite hanno affermato che la scadenza del termine per opporsi o impugnare un atto di riscossione produce l’effetto della irretrattabilità del credito e che non comporta la conversione del termine di prescrizione da breve a decennale.

2018-02-02T12:00:42+01:001 Settembre 2017|equitalia, News, normative, sentenze|

Leave A Comment