Usura Bancaria: nessuna responsabilità per il direttore, ma a rischiare la denuncia è il Presidente del Consiglio di Amministrazione.

Usura Bancaria: nessuna responsabilità per il direttore, ma a rischiare la denuncia è il Presidente del Consiglio di Amministrazione.

La banca è responsabile sia civilmente che penalmente per i tassi usura, applicati sul mutuo o sul finanziamento.

Anche la banca può essere querelata per usura, ma attenzione a chi chiamate a rispondere del reato. Il responsabile, infatti non è il direttore della filiale, ma il Presidente del Consiglio di Amministrazione.

La vicenda si riferisce a una sentenza che ha dato torto a un uomo, dopo avere firmato un mutuo e essersi accorto di un debito che cresceva più del dovuto, aveva denunciato per usura il direttore della filiale. Il tribunale ha rigettato l’istanza dichiarando il “non luogo a procedere” nei confronti del direttore perché il fatto non costituiva reato” Sentenza confermata dalla Cassazione che ha sottolineato l’errore del cliente di chiamare in causa il direttore e non il presidente del Cda della banca.

Secondo la Suprema Corte, infatti, benché la responsabilità penale sia solo personale, è indispensabile individuare il soggetto specifico responsabile del reato che in questo caso è il Presidente e non il direttore di banca.

Lo Statuto della banca, infatti, attribuisce al suo presidente ampi poteri in materia di erogazione del credito e in virtù di questi poteri, riveste una posizione di garanzia a tutela di coloro che hanno stipulato un finanziamento.

Il funzionario di una filiale, anche se soggetto attivo nella stipula di un contratto di mutuo bancario, deve essere ritenuto esente da responsabilità, non potendo  a costui attribuirsi la consapevole accettazione del rischio di interessi usurari.

2018-02-02T12:00:48+01:0015 Febbraio 2017|News, sentenze, usura e anatocismo|

Leave A Comment